La libreria BrickBox nella casa del suo designer, Antxon Salvador

La libreria BrickBox nella casa del suo designer, Antxon Salvador


Il creatore dello scaffale modulare BrickBox ha trovato nel 2008 un problema ricorrente: la necessità di più spazio per riporre la sua crescente collezione di libri e film.
La libreria di casa era diventata troppo piccola mentre il designer scriveva il libro “Español de cine” (Editorial Blume, 2.009). Una notte di ispirazione ha ideato un sistema di ancoraggio tra i moduli che ha subito brevettato.
Dopo la presentazione del libro, Antxon ha intuito che quei moduli che hanno organizzato i loro volumi in modo così soddisfacente potrebbero essere un buon progetto commerciale.
E si è messo al lavoro, dopo aver formalizzato il brevetto è stato necessario creare un’azienda (Kazam Design), trovare un produttore e presentare il prodotto (Nude, Feria de Valencia 2010).
La decisione di scegliere la vendita online come unico canale commerciale –molto inusuale ancora nel 2010 per l’arredamento– è stata la conseguenza dell’interesse a creare un prodotto accessibile e che si potesse trovare in tutte le case.
Salvador voleva che il suo design fosse alla portata del maggior numero di tasche, ma rispettando due limiti: materia prima di qualità con certificazione biologica e manifattura nazionale per aiutare il settore in tempi di crisi.
Il gioco d’azzardo online ha impiegato un paio di anni per essere redditizio, ma dal 2012 le vendite si sono consolidate sia nel mercato europeo che negli Stati Uniti. Oggi sono già più di 10.000 le case che organizzano la propria cultura con BrickBox.